Indice del forum


www.Menphis75.com
Portale  |  Blog  |  Album  |  Guestbook  |  FlashChat  |  Statistiche  |  Links  |  Calendario
Downloads  |   Commenti karma  |  TopList  |  Topics recenti  |  Vota Forum


Il Simbolo di Karnak
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Misteri del Mondo
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo

menphis75

Essere di Luce





Età: 43
Registrato: 14/05/05 18:17
Messaggi: 15246
menphis75 is offline 

Località: Orione

Impiego: Webmaster
Sito web: http://www.menphis75.com


NULL
Rispondi citando
Il Simbolo di Karnak


Uno dei simboli più potenti conosciuti
Fabrizio Nencioni


Questo simbolo, oltre al nome che da il titolo a quest'articolo, è chiamato anche in molti altri modi: Anello dell’Immunità, Barra Atlantica, Anello del Re ed è uno dei più antichi e potenti simboli conosciuti.

La fonte da cui questo simbolo è arrivato sino a noi è soltanto l’anello riportato nell’immagine di presentazione di questo articolo.
Non vi è alcuna prova che la Barra Atlantica sia incisa o disegnata da qualche parte in Egitto o altrove, in tombe, mastabe, colonne di templi o qualsiasi altro luogo ed invito cortesemente, chi avesse notizie in merito, a comunicarmele.
Sembra che l'anello originale sia stato ritrovato a Luxor nella Valle dei Re nel 1860 in una tomba di un matematico o di un sacerdote, dipende dalle fonti.

Facendo diventare l’anello (che è tridimensionale) una figura piana come se lo aprissimo e lo stendessimo, abbiamo il simbolo di Karnak (ora bidimensionale) disegnato su un foglio come da immagine (allegato 1).
L’anello originale (fonte Frisari) è conservato nell’abitazione del radiestesista R. De Belizal.

Vediamo ora perché questo simbolo è così famoso e conosciuto.
E' tramite la conoscenza del simbolo di Karnak che ho imparato l'arte della radiestesia tramite le bachette a elle.

Per valutare bene la potenza del simbolo di Karnak, è necessario disegnarlo su carta ed ingrandirlo, facendogli assumere dimensioni e specialmente proporzioni diverse da quelle originarie.
Il simbolo originale è in rilievo su un anello, ha una forma rotonda, tende a chiudersi su se stesso e quindi emette onde di forma completamente diverse da quello disegnato su un foglio piano.
Gli effetti che sono sempre stati studiati, sono quelli che possono essere rilevati, tramite radiestesia, dal disegno più o meno grande del simbolo di Karnak.

Il suo potere è notevole per non dire enorme: tende a bloccare la negatività!

Cosa vuol dire? Vuol dire che se c’è un cristallo caricato di energia negativa e sopra ci mettete il simbolo di Karnak, la negatività sottile del cristallo, tramite radiestesia, non la rilevate più rimanendo essa tra il cristallo e il simbolo e non può arrivare a voi. Lo stesso avviene se mettete il simbolo disegnato su di un foglio tra un telefonino (che è un oggetto negativo in quanto emette onde nocive per l'organismo umano) e voi.
La stessa cosa avviene ponendo il simbolo (sempre disegnato) tra voi e un forno a microonde, tra voi e un nodo geopatico, tra voi e una qualsiasi cosa che è portatrice di energia per noi negativa, di qualsiasi tipo essa sia composta: viene schermata l’energia sottile negativa.

Vorrei precisare che la negatività che viene bloccata dal simbolo è la componente sottile della negatività o, per meglio dire, una frequenza della radiazione sottile negativa, poiché detta radiazione non è composta da un’unica emissione, come la luce non è composta da un’unica frequenza.
Mi spiego ancora meglio: se mettete il simbolo di Karnak sopra un telefonino che usandolo vi scalda l’orecchio e poi mettete il telefonino all’orecchio, il calore lo sentirete ugualmente anche se, tramite una misurazione radiestesica del telefonino con su il simbolo di Karnak, la negatività sottile non viene da voi più rilevata; quella densa, che è il campo elettromagnetico vero e proprio fonte anche della radiazione sottile, continuerà a passare anche attraverso il simbolo disegnato su carta.

L’effetto collaterale

La negatività che non compare più ad una rilevazione radiestesica non sparisce ma “esce” dal simbolo prendendo la direzione indicata dalle punte dei due triangoli isosceli.

Accade che se avete un nodo geopatico dove dormite e mettete il simbolo di Karnak frapposto tra voi e il nodo, per esempio tra il materasso e la rete, il nodo non influenzerà più voi quando dormite e la negatività sottile uscirà in direzione delle due frecce e potete così regalare il nodo geopatico al vostro vicino di casa.
In questo caso tutta la negatività viene schermata trattandosi di frequenze di sola negatività sottile.
Accade anche che un foglio con su un simbolo disegnato e sottoposto a continua radiazione negativa, si parassiterà; la negatività, lentamente, tenderà a impregnare il materiale, in questo caso la carta su cui è disegnato il simbolo e, col tempo, quel foglio con su disegnato il simbolo diventerà inutilizzabile per lo scopo di schermarvi dall’energia negativa geopatica.

Come ho scritto sopra, le potenti onde di forma generate dal simbolo in rilievo e ricurvo sull’anello non possono essere le stesse del simbolo disegnato. Succede anche che quando il simbolo viene disegnato, è sempre molto, molto più grande di come è nell’originale e cioè sull’anello.
Poiché il simbolo di Karnak lo troviamo unicamente sull’anello descritto e non disegnato piano e più grande, perchè chi l'ha ideato non ha comtemplato l'ipotesi del disegno? Noi non conosciamo eventuali effetti collaterali che si possono verificare dal disegnare il Simbolo di Karnak, per esempio, su un foglio A4.
Conosciamo bene l’effetto che spinge la negatività in direzione delle punte dei triangoli isosceli; questo non accade nell’anello perché è ricurvo e forse perchè ci sono i buchi alla fine delle punte dei due triangoli.
Con tutto questo voglio dire che, a confronto di coloro che hanno ideato/creato/canalizzato un simbolo come quello di Karnak, noi ci intendiamo di energie sottili come un bambino si intende di ingegneria!

Il mio insegnante di radiestesia, Cristiano Tenca di Biella, comprò a Parigi, molto prima del nostro incontro, un simbolo di Karnak di marmo e in rilievo di 2/3 cm circa e della lunghezza di circa 15/20 centimetri e cominciò a fare esperimenti. Si accorse di tutte quelle cose che ho poi verificato anch'io di persona e che ho sopra descritto e gli accade anche che il simbolo in rilievo era sempre attivo! Dovunque e comunque lo ponesse spostava negatività dappertutto. Per disattivarlo lo dovette distruggere!!

Sembra che nell'anello originale, come potete leggere in Atlantisring, un sito americano, ci siano due buchi all'estremità della punta dei triangoli e anche delle linee che sono la prosecuzione di un lato lungo del triangolo isoscele, come da allegati in fondo pagina 2 e 3, copie in oro e/o argento dell'anello originale con su il Simbolo di Karnak.
Da questo si evince che onde di forma emesse dall'anello sono nettamente diverse da quelle del simbolo disegnato, anche perchè questi particolari non vengono mai riportati nei disegni raffiguranti la Barra Atlantica.

Non ho mai usato il Simbolo di Karnak disegnato e ingrandito come neutralizzatore di energia negativa perché, oltre a conoscere che la negatività esce dal simbolo e si direziona via dalle punte dei triangoli, oltre a sapere che i materiali su cui è disegnato si parassitano, penso anche che ci possano essere ulteriori risvolti negativi che non conosco e non posso conoscere, date le mie limitate conoscenze in materia di energie sottili.

Quello che ho scritto in quest'articolo è il risultato di anni di studi su molìtissimi simboli che ho incontato nella mia vita.
Talvolta è sufficiente un trattino spostato in alto invece che in basso e un simbolo assume una frequenza totalmente diversa, da positiva a negativa, e naturalmente viceversa.
Per fare un esempio che tutti conoscono, il simbolo che rappresenta il segno astrologico dello scorpione che è una specie di m (emme) alfabetica minuscola, è rappresentato appunto come una emme con la sua finale rivolta verso l'alto (all.4)
Come talvolta ho incontrato, se la freccia finale della emme è orizzontale come nel link o peggio ancora, rivolta verso il basso, il simbolo dello scorpione assume una polarità nettamente negativa.

Misurate e vedrete!


E' questo che mi spinge a rimanere molto molto cauto rispetto a tutti i simboli che incontro, tenendo anche conto che in essi vi è ormai una congestione sottile millenaria.

FONTE:

www.reikinet.it/visual_sottocat.php?titolo=ENERGIE%20SOTTILI&lin=1&ID_sottocat=528

ALTRI LINK:

http://www.radiestesia.it/old/140PENDOLI/anellire.htm

http://www.geoshelter.com/visual_sottocat.php?ID_sottocat=51&titolo_cat=Radiestesia&titolo=radioestesia.php

_________________________________________

> Anello di Karnak - Misure disponibili

http://www.ombrerosse.it/contents/it/d62_02.html

GIOIELLI SPIRITUALI:

http://www.macrolibrarsi.it/_gioielli_spirituali_.php?pn=165

LIBRI CONSIGLIATI:

http://www.macrolibrarsi.it/_ascensione_.php?pn=165
http://www.macrolibrarsi.it/_mondo_interiore_.php?pn=165
http://www.macrolibrarsi.it/_nuove-rivelazioni_.php?pn=165
http://www.macrolibrarsi.it/_audio_conferenze_.php?pn=165
http://www.macrolibrarsi.it/_crescita_spirituale_.php?pn=165
http://www.macrolibrarsi.it/autori/_vadim-zeland.php?pn=165
http://www.macrolibrarsi.it/_corpo_mente_spirito_.php?pn=165
http://www.macrolibrarsi.it/_creare_propria_realta_.php?pn=165
http://www.macrolibrarsi.it/_percorsi_consapevolezza_.php?pn=165


Ultima modifica di menphis75 il Lun Ago 30, 2010 4:31 pm, modificato 3 volte in totale

_________________
http://www.menphis75.com

LIBRI MACROLIBRARSI:

http://www.macrolibrarsi.it/?pn=165

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
ProfiloMessaggio privatoHomePage
Adv








menphis75

Essere di Luce





Età: 43
Registrato: 14/05/05 18:17
Messaggi: 15246
menphis75 is offline 

Località: Orione

Impiego: Webmaster
Sito web: http://www.menphis75.com


NULL
Rispondi citando
IL MAGNETISMO DELLE FORME GEOMETRICHE


La scienza ci dice che la corrente magnetica del nostro pianeta scorre lungo una linea energetica che va da nord a sud, la quale corrisponde alla posizione dei poli terrestri.


Ogni figura geometrica, sia essa lineare, piana o solida, assorbe questa energia magnetica a seconda della sua grandezza e precisione fino a saturarsi, dopodiché la libera sotto forma di irradiazione.

L'energia naturalmente non è costatate, ma varia di intensità condizionata da molte varianti che possono essere la latitudine e longitudine, (quindi il luogo) la velocità della terra, ecc.

È stato provato che l’energia emessa da figure simmetriche ed armoniche è benefica, mentre quella irradiata da figure irregolari, disarmoniche e dissonanti è malefica, dannosa e nociva per la salute psicofisica di ogni individuo.

Famoso è il potere magnetico, ormai sperimentato, delle piramidi, mentre è ancora da approfondire quello della sfera che, possiamo dire, è la figura più potente che si conosca. Il punto centrale di una sfera possiede un’energia magnetica assai può potente di quella della piramide, così come il cerchio, disegnato in piano è superiore a qualsiasi altra figura piana. Anche la spirale è positiva.

Un esempio straordinario di potenza delle figure geometriche è dato da quello che viene chiamato Anello Re, Anello di Atlantide o Neutralizzatore Karnak.

disegno della geometria presente sull'anello:

lA STORIA
Nel 1922 una spedizione inglese, capeggiata da Howard Carter, trova nella Valle dei Re la tomba, pressoche intatta, del Faraone Tutankhamon, sovrano di poca importanza storica (salì al trono quando aveva 10 anni , si sposò con una dodicenne e morì nove anni dopo), ma di eccezionale interesse archeologico.

Chi ha letto la cronaca di questa scoperta conoscerà sicuramente la cosiddetta “maledizione del Faraone”, che ha accompagnato per anni chi venne in contatto con la tomba. In pochi anni morirono ben 22 persone, di cui 15 erano state personalmente presenti all’apertura del sepolcro. Tutti i decessi furono prematuri o inspiegabili

Qualche esempio.

Lord Carnarvon (colui il quale finanziò il lavoro di Carter) che aprì la tomba assieme a Carter, venne punto da una zanzara e contrasse un’infezione, che non risultava però preoccupante.
Il 27 marzo 1923 Lord Carnarvon è preso da una sincope nella tomba di Tutankhamon. Trasportato immediatamente nel suo appartamento al Cairo, si mette a delirare. Il medico diagnostica una congestione polmonare. Lo stato della malattia peggiora di giorno in giorno. I suoi sonni sono attraversati da incubi spaventosi. La febbre continua a salire e scendere. Il 5 aprile 1923 Lord Carnarvor morì.


L'archeologo canadese La Fleur arriva in Egitto nell'aprile 1923 in perfetto stato di salute. Amico intimo di Carter, lo ha raggiunto per aiutarlo nei suoi lavori, ma muore per una misteriosa malattia appena qualche settimana dopo il suo arrivo.


La terza vittima è l'archeologo inglese Arthur C. Mace, che aiutò Carter ad abbattere il muro della camera mortuaria. Poco dopo il decesso di lord Carnarvon, è preso a sua volta da strani malesseri. Le forse lo abbandonano progressivamente, fino a che perde conoscenza e muore nello stesso albergo di lord Carnarvon senza che si possa stabilire la causa del suo male.


Poi è la volta del miliardario americano Georges Jay Gould, uno dei più vecchi amici di lord Carnarvon, venuto in Egitto per rendere un ultimo omaggio al suo compagno. Molto interessato ai lavori intrapresi nella Valle dei Re, insite con Carter perché gli mostri la tomba. Il giorno dopo questa visita, Jay Gould viene colpito da febbri violente. Muore la sera stessa.


Il Dr. Evelyn White, celebre archeologo e collaboratore di Carter, si impicca qualche tempo dopo. Colto da malessere ogni volta che entra nella camera mortuaria, cade infine vittima di una depressione nervosa che lo conduce al suicidio. Nella sua lettera d'addio scrive: "Ho ceduto alla maledizione che mi ha costretto a scomparire


Alfred Lucas e Douglas Derry muoiono a loro volta. L'inquietudine dilaga fra gli scienziati del mondo intero.I due studiosi hanno partecipato all'autopsia della mummia di Tutankhamon e sono morti poco dopo, in seguito a infarto cardiaco.


Un po' più tardi il fratellastro di lord Carnarvon, Aubrey Herbert, si suicida nel corso di un accesso di follia tanto improvviso quanto inspiegabile.


Nel febbraio 1929 lady Almina, moglie di lord Carnarvon, muore in circostanze strane. Una puntura d'insetto, secondo i medici, è la causa della sua morte subitanea.
Durante quello stesso fatidico anno 1929, nel mese di novembre, Richard Bethell, ex segretario di Carter, viene travato morto nel letto. Un collasso cardiaco, affermano i medici.
Richard Bethell era figlio unico di lord Westbury. Tre mesi dopo, quest'ultimo, che ha settantotto'anni si uccide, gettandosi dalla finestra del settimo piano del suo appartamento londinese.
Nel corso del funerale di lord Westbury, il carro funebre travolge due adolescenti. Uno di essi muore durante il trasporto all'ospedale.
L'Inghilterra si è appena rimessa dal trauma di queste due morti che un "fremito la percorre di nuovo", come sottolinea la stampa dell'epoca.

Archibald Douglas Reed, uno studioso inglese distaccato presso il governo egiziano, muore a sua volta. Reed, qualche giorno prima, aveva ricevuto l'ordine di radiografare la mummia di Tutankhamon. Il suo incarico era quello di scoprire i corpi estranei eventualmente esistenti all'interno del cadavere.
Il giorno dopo gli esami radiografici viene colpito da malessere; qualche giorno più tardi muore, lui che fino ad allora non aveva mai sofferto di nessuna malattia.


L'ultimo di questa sconcertante serie di decessi è quello di James Breasted, dell'Università di Chicago", uno degli archeologi che, con Carter, è rimasto più a lungo nella tomba.
Tutte queste morti si collegano alla scoperta della tomba di Tutankhamon.

Solo Howard Carter, il vero artefice del ritrovamento (e che quindi più di ogni altro avrebbe dovuto essere colpito dalla “maledizione”), scampò alla “vendetta”. Egli quando la tomba fu aperta trovò per terra, vicino al sarcofago, un anello con degli strani segni (vedi disegno sopra) e se lo mise al dito. Questa fu la sua salvezza. Questo anello lo protesse da ogni influenza malefica degli “elementari”, che i sacerdoti della decadenza egizia avevano messo a protezione della tomba del Faraone.

In pratica, le figure in rilievo dell’anello avevano funzionato da “ordine” di protezione. Da esperimenti fatti, sembra che il potere di questo anello non riguardi solo la protezione da malefici e aggressioni magiche, ma anche il rafforzamento del campo eterico ed immunologico dell’individuo.


http://amon.terzapersona.com/anello_re_atlantide/

_________________
http://www.menphis75.com

LIBRI MACROLIBRARSI:

http://www.macrolibrarsi.it/?pn=165

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
ProfiloMessaggio privatoHomePage
menphis75

Essere di Luce





Età: 43
Registrato: 14/05/05 18:17
Messaggi: 15246
menphis75 is offline 

Località: Orione

Impiego: Webmaster
Sito web: http://www.menphis75.com


NULL
Rispondi citando
Il simbolo riportato su questo bellissimo anello è stato rinvenuto nel tempio di Karnak ed è un simbolo di collegamento tra l'Alto ed il Basso Egitto. E' considerato un ottimo simbolo di schermatura radiestesica. Non bisogna mai far toccare ad altri il proprio anello, neppure al partner o ad una persona cara. Quando lo si mette dito la prima volta si deve seguire questa procedura: far bollire per due minuti l'anello con del sale in una pentolina d'acqua di bottiglia (acqua di fonte e poi farlo asciugare in pieno sole per 1 ora. Questa operazione andrebbe ripetuta ogni volta che qualcuno tocchi il vostro anello contaminando la vostra energia con la propria... L’anello Karnak è uno degli strumenti cari alla radiestesia, dove spesso viene chiamato Anello di Atlantide o Anello del Re. I simboli riprodotti infatti, secondo la tradizione, rispondono alle esigenze di una precisa formula esoterica a lungo provata e confermata da ricercatori del calibro di un André de Belizal e Roger de Lafforest. Non è un talismano o una specie di feticcio ma è considerato piuttosto un piccolo miracolo di fisica microvibratoria che manifesta il proprio potere in tre campi specifici: protezione, cura e potenziamento dell'intuizione. PROTEZIONE: L'Anello Re o di ATLANTIDE è considerato un naturale raccoglitore, secondo i principi della radionica, di energia cosmica e mette in grado il radiestesista di proteggersi dalle rimanenze e dalle contaminazioni energetiche con le quali viene a contatto durante la ricerca e il lavoro di analisi. Analizzare qualcuno o qualcosa significa "mettersi in risonanza" con quella particolare frequenza... è necessario dunque proteggersi da eventuali energie non perfettamente in sintonia con le proprie. Un altro testato impiego dell'anello sarebbe quello di permettere al radiestesista di prolungare il tempo della ricerca che altrimenti non potrebbe protrarsi per più di un'ora. L'anello Re limita, secondo quanto si tramanda la stanchezza. Molti lo consigliano infatti anche alle persone che per lavoro o percorso si trovano a dover affaticare molto la mente ed agli studenti, specialmente quando si trovassero a preparare esami o concorsi. CURA: si dice che i simboli riportati possano risolvere disfunzioni energetiche semplicemente portando l’anello in un determinato dito della mano seguendo queste istruzioni: POLLICE = sull'apparato respiratorio
_______________________________________

ENG > The symbol shown on this beautiful ring was found in the temple of Karnak and is a symbol of connection between the High and Lower Egypt. E 'regarded as an excellent symbol of shielding dowsing. You should never have to touch your ring to others, even your partner or a loved one. When it puts finger the first time you must follow this procedure: boil for two minutes the ring with some salt in a small pot of water bottle (spring water and then let it dry in the sun for 1 hour. This should be repeated every time someone touches your ring contaminating your energy with your ... Ring Karnak is one of the beloved to dowsing, which is often called the Ring of Atlantis or Ring of the King The symbols represented in fact, according to tradition, meeting the needs of esoteric formula provides long-established and confirmed by researchers from the likes of Andre de Belizal and Roger de Lafforest. It is not a talisman or a kind of fetish, but rather is considered a small miracle of physics microvibratoria that manifests its power in three specific areas: protection, care and strengthening intuition. PROTECTION: The Ring or King of Atlantis is regarded as a natural binder, according to the principles of radionics, cosmic energy and enables the dowsing to protect themselves from contamination by inventories and energy with which it comes into contact during the search and the work analysis. Analyze someone or something means "get in resonance with the particular frequency ... must therefore guard against energy is not perfectly in tune with their own. Another test used the ring would be to allow the dowsing to extend the time of the research that otherwise could not last for more than an hour. Ring King limited, as handed down fatigue. Many people also recommend it to people who work or are having to route the mind and very tiring for students, especially when they were preparing exams or competitions. CARE: It is said that the symbols can be resolved simply by bringing the energy dysfunction in a specific ring finger with these instructions: INCH = on the respiratory INDEX = nervous system, vitality and capacity for action Average = bodily functions, bones and skeleton RING = genital tract, urinary and digestive system. Acts on the sympathetic and the parasympathetic MIGNOLO = circulatory BACKGROUND: Finally the ring has the ability to increase openness and to allow a more precise intuition.

_________________
http://www.menphis75.com

LIBRI MACROLIBRARSI:

http://www.macrolibrarsi.it/?pn=165

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
ProfiloMessaggio privatoHomePage

Il Simbolo di Karnak
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ore  
Pagina 1 di 1  

  
Vai a:  
 Rispondi